Châtelaudren

Una cittadina pittoresca, molto di moda

Foto 1 Châtelaudren Foto 2 Châtelaudren

Tra il paese del mare e il paese della terra, Châtelaudren occupa la valle del Leff. Con le sue variazioni di granito, acqua e metallo, questa cittadina pittoresca è sia una città storica che un luogo dove rilassarsi intorno all'acqua e un sito con uno straordinario patrimonio industriale.

La capitale del Goëlo, tra Armor e Argoat

Tra Guingamp e Saint-Brieuc, Châtelaudren dispone le sue case sulle rive del Leff. Se la pittoresca cittadina ha perso la sua cittadella, conserva comunque belle testimonianze della sua storia di commerci e della sua vocazione di città di interscambi. Sulla collina, la cappella di Notre Dame du Tertre ospita sorprendenti rivestimenti dipinti. La spianata del castello, accessibile da una massiccia scala di granito, consente di guardare dall'alto i tetti di ardesia. Le case del 17° e 18° secolo sono numerose. Sono decorate da lucernari notevoli, scolpiti nella pietra. Intorno alla chiesa di Saint-Magloire, le strade e le case sono più strette. Le piazzette sono circondate da case con tetti a punta e sagomati.                  

Acqua in tutte le sue forme

Sotto, il fiume è onnipresente. Lungo i secoli, il corso del Leff è stato dotato di sistemi idraulici per proteggere la città, far girare le ruote dei mulini, alimentare i lavatoi e le turbine. Prende successivamente il carattere di un ruscello tranquillo, di una cascata vivace o di uno stagno placido. In piena città, lo specchio d'acqua offre una parentesi di freschezza agli amanti dell'aria aperta. Escursionisti, passeggiatori e marinai d'acqua dolce vi si danno appuntamento. Vele e imbarcazioni animano la superficie. I pescatori tirano su carpe, tinche e lucci all'amo della lenza.

Le petit Echo de la Mode fa grande impressione

Esso è anche il laghetto che ha fatto di Châtelaudrun la seconda capitale della moda francese dal 1920 al 1983! Approfittando dell'energia idroelettrica del fiume, la rivista Le Petit Echo de la Mode installò la sua stamperia nella località bretone. Al suo apice, fino a 250 persone lavoravano a differenti edizioni. I grandi fogli dei padroni-modelli sono stati ugualmente pubblicati qui. Oggi, questa architettura industriale è un gioiello del patrimonio del 20° secolo. Il metallo rivettato, le macchine in ghisa, i mattoni costituiscono una cornice ideale per quello che è diventato un luogo d'arte vivente e di turismo.

Lo sapevate?

Un quartiere latino... e bretone

Di passaggio nella cittadina, un parigino ha apprezzato l'effervescenza e i 60 negozi lungo le viuzze nelle vicinanze della chiesa di Saint-Magloire. Ha dato a questo luogo il soprannome di "Quartiere Latino"; soprannome tutt'ora usato.

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com