Camaret-sur-mer e Crozon

Un ventaglio di rocce appuntite

Foto 1 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 2 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 3 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 4 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 5 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 6 Camaret-sur-mer e Crozon Foto 7 Camaret-sur-mer e Crozon

Formando una gigantesca croce nel mare d’Iroise, la penisola di Crozon rappresenta un concentrato della Bretagna. I suoi paesaggi si alternano a spettacolari scogliere, lande di brughiera, acque turchesi e dolci spiagge. Punto di partenza per avventurarsi sono i graziosi porti di Camaret o Morgat.

Un porto tipico, dai mille colori e umori

Situato all’estremità occidentale della penisola, Camaret è un porto tipico dove è possibile passeggiare sulle banchine animate, costeggiate da case colorate. Sul molo, la cappella di Notre-Dame de Rocamadour è famosa per i suoi modellini di barche donate come ex-voto. La passeggiata continua fino alla torre Vauban, detta “torre dorata” a causa della sua tinta ocra. Patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco, la torre proteggeva la sponda di Camaret e l’entrata dell’imboccatura di Brest. Per una romantica visione, basta girarsi verso il cimitero marino dove il contorno delle barche si poggia sulla spiaggia.

Il Cap de la Chèvre, una terrazza sull’orizzonte

Scogliere alte qualche centinaia di metri a strapiombo sul mare, una vista sulla baia di Douarnenez e l’insenatura di Morgat… Il panorama è sorprendente. Se l’aria è tersa, lo sguardo arriva fino alle Isole di Sein, Ouessant e Molène. Per cogliere pienamente la dimensione del luogo, bisogna fondersi con l’odore tonico degli spruzzi del mare. Un sentiero costiero tra landa, brughiera e pini marittimi moltiplica i punti di vista. Da scoprire fuori stagione o la mattina presto quando il luogo è ancora selvaggio.

Escursioni sulle punte delle scogliere

Gli amanti delle escursioni non potranno perdere il giro del Cap de la Chèvre. Da Morgat al Castello di Dinan, una bella escursione di una giornata vi porterà sui sentieri costieri segnalati, con ritorno attraverso la landa. Da non perdere: la punta di Saint-Hernot, la splendida insenatura di Porz-Creguen e il promontorio che domina la spiaggia della Palue. Il sentiero GR34 sfiora le Punte del Grand Gouin, di Toulinguet e altre ancora. Lo spettacolo è costante. Davvero entusiasmante la punta di Pen-Hir con i suoi 4 isolotti chiamati “Tas de pois”. A picco per 70 metri, è da togliere il fiato.

Pareti di arenaria e strapiombi rocciosi visti dal mare

D’estate, partendo dal porto di Morgat, alcune vedette propongono escursioni alla scoperta delle leggende delle grotte del capo. Il programma prevede in particolare: la grotta de l’Autel, profonda 80 metri, o la sontuosa insenatura dell’Ile Vierge. L’escursione offre un ulteriore sguardo su questo magnifico sito che affascina amanti del mare, delle escursioni e dell’arrampicata.

Lo sapevate?

Decine e decine di menhir!

Formati da un centinaio di menhir, gli allineamenti di Lagatjar sono i più importanti della regione. Risollevati nel 1928, alcuni di essi raggiungono oltre 3 metri di altezza. Segni particolari? La disposizione in linee perpendicolari.

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com