Ouessant

Ultimo scalo prima dell’America!

Foto 1 Ouessant Foto 2 Ouessant Foto 3 Ouessant Foto 4 Ouessant

Pronti ad andare sino in fondo? Allora, rotta sull’arcipelago di Ouessant! Qui, nell’estremo Ovest della Francia metropolitana, il vostro soggiorno ha un gusto unico e rigenerante. Questa catena insulare sembra surreale, sospesa tra cielo e mare, avvolta dalla schiuma. Una vera immersione iniziatica!

Un arcipelago così bello…

A 30 km dalla Pointe Saint-Mathieu, l'arcipelago di Ouessant, è il vero "finistère" e comprende 7 isole circondate da coriandoli di continente. Solo Molène e Ouessant, la più grande, sono abitate. A eccezione di pochi pescatori e raccoglitrici di alghe marine, gli uomini sono impegnati in mare dove praticano la pesca d’altura, lasciando la terra, le case e. i montoni dalla testa nera alla cura delle donne. L'acquacoltura è un turismo discreto che si unisce alle attività tradizionali.

Da togliere il fiato

Dopo Molène e la corrente del Fromveur ("grande torrente" in bretone), appare Ouessant. Lunga 7 km, l'isola assomiglia alle chele di un granchio, bordata di rocce fantasmagoriche. La dimensione delle scogliere sarebbe all’origine del nome celtico, ouxisama, "la più alta", di questa sentinella dell’oceano. Il litorale della Pointe de Pern offre uno spettacolo fuori dal comune. Nel mezzo delle scogliere cesellate, esistono vestigia della Città delle tempeste che ha ospitato una tromba di nebbia. A pochi passi, si intravedono le rovine di un corno di nebbia un tempo azionato dai cavalli.

Una corona di luci

Previdenti, gli abitanti dell’isola hanno previsto segnali per aiutare i navigatori. Alcuni fari maestosi si ergono sopra o accanto all’isola. Il primo, il faro di Stiff, è stato costruito nel 1695 da Vauban. Il faro della Jument, dipinto di rosso e il faro di Keréon, soprannominato il palazzo a causa delle sue boiserie, sono stati costruiti in mare con incredibili sforzi. Quello di Créac'h, uno dei più potenti al mondo, si riconosce per le decorazioni nere e bianche.

Segni di dolcezza interiore

Cercando di dimenticare il vento, i montoni e alcuni giardinieri si riparano dietro ai muretti in pietra. A Niou Uhella, ci si impregna dell’anima dell’isola visitando una tipica abitazione isolana. La piccola dimora dispone di due camere simmetriche: la penn ludu, dove si vive, e la penn brao, dove si ricevono gli ospiti o si lasciano gli oggetti raccolti dai marinai. I mobili, costruiti con il legno dei relitti, hanno colori straordinari.

Lo sapevate?

Piercing sui montoni?

Da ottobre a febbraio, i montoni di Ouessant brucano in libertà l’erba bassa e salata. I loro proprietari li riconoscono dagli intagli delle orecchie.