Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet

Un'antica abbazia illuminata da un faro

Foto 1 Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet Foto 2 Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet Foto 3 Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet Foto 4 Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet Foto 5 Pointe Saint-Mathieu - Le Conquet

Falesie a strapiombo battute dal vento e dal mare, un faro imponente che veglia sulle rovine di un'antica abbazia... qui, il fascino è di casa! La Pointe Saint-Mathieu sembra un concentrato di Bretagna. A due passi, il porto di Le Conquet permette di raggiungere l'Ile Ouessant e l’Ile Molène.

La leggenda narra che, mentre riportavano il corpo di San Matteo apostolo, alcuni mercanti della regione del Léon furono miracolosamente salvati da un naufragio al largo di questa punta. Nel VI secolo, per ospitare le reliquie del santo, Tanguy costruì qui il primo monastero. Dell’abbazia rimangono oggi la facciata romanica, le volte di pietra del coro e le arcate della navata. Andate a visitarla al crepuscolo: è allora, quando viene illuminata dal faro, che raggiunge il suo massimo splendore. Alle spalle di questa costruzione, la cappella di Notre-Dame-de-Grâce ospita un piccolo museo che custodisce alcuni resti dell’antica abbazia.

163 gradini più su…

Il sentiero marittimo della punta conduce ai menhir cristianizzati. Queste due pietre sormontate da croci erano soprannominate “Forche dei monaci”. Non lasciate questo luogo senza aver ammirato il panorama dall’alto del faro! Fatevi coraggio: 163 scalini vi separano dalla cima, ma la vista sugli scogli di Les Vieux Moines (vecchi monaci) e sulla Chaussée des Pierres noires (scogliera di pietre nere) valgono sicuramente un piccolo sforzo!

Rotta sulle isole!

Non lontano da lì, Le Conquet è il punto di partenza per le isole Ouessant e Molène. Fin dal XIX secolo, il porto è famoso per la pesca delle aragoste e dei granciporri. È la Pointe de Kermovan a offrire il più bel panorama su Le Conquet e sull’arcipelago di Molène. Quando scende la sera, lo scintillio dei fari lontani è uno spettacolo affascinante.

Lo sapevate?

Alla scoperta dei fari!

Un itinerario da Brest a Brignogan permette di scoprire tutti i fari della zona. 17 sulla costa, 13 in mare, 85 torrette e 204 boe segnaletiche: sono cifre impressionanti. Sull’isola di Ouessant, il Musée des phares et balises (museo dei fari e dei segnali marittimi) permette di avere maggiori informazioni sulla storia di queste costruzioni e sulla vita dei loro guardiani.

Per saperne di più:  www.brest-terres-oceanes.fr