Pornic e il Pays de Retz

Al confluire tra Bretagna, Loira e Oceano

Foto 1 Pornic e il Pays de Retz Foto 2 Pornic e il Pays de Retz Foto 3 Pornic e il Pays de Retz

Orientato verso la Baia di Bourgneuf e l’estuario della Loira, il Pays de Retz apre la porta sud della Bretagna. Attorno all’insenatura di Pornic, 52 km di litorale, si susseguono cale, spiagge e piccole località balneari. Collegati a questa costa animata, paludi e “bocage” (tipici paesaggi boscosi) formano un mosaico bucolico.

Pornic, la perla della Costa di Giada

La località balneare si sviluppa attorno al vecchio porto, dove ormeggiano barche da pesca e velieri tradizionali. Lungo le banchine e le terrazze, il lungomare giunge fino al massiccio castello realizzato nel 13° secolo, poi il sentiero arriva fino al nuovo porto della Noëveillard. La passeggiata diventa golosa con un gelato dellaFraiseraie, ormai una deliziosa istituzione locale! Dall’altro lato della rada, il sentiero continua come strada panoramica verso affascinati cale, l’istituto di talassoterapia e la spiaggia di La Fontaine-aux-bretons. Nel centro della città, scale e stradine si insinuano tra le case dei pescatori.

Spiagge, conchiglie, crostacei e attività

Sul litorale, dal lato di La Bernerie-en-Retz o di Saint-Michel-Chef-Chef, alcune spiagge familiari si riparano nelle valli rocciose. In equilibrio sulle loro palafitte, troviamo alcuni luoghi di pesca. Verso Préfailles, delle intime insenature superano il semaforo della Punta di Saint-Gildas e le sue zone di pesca a piedi. Gli appassionati degli sport di scivolamento e delle attività nautiche stabiliscono i loro spot in prossimità delle più vaste distese di sabbia, a Tharon o a Saint-Brévin-les-Pins.

In bici tra terra e mare

Sempre all’aria aperta, alcune piste ciclabili e percorribili a piedi alternano il blu dell’oceano al verde dei paesaggi boschivi. Percorrendo la Loira in bicicletta, nel punto dove tocca il mare a Saint-Brévin, le piste Vélodyssée e Vélocéan si incrociano attraversando frazioni pittoresche e foreste di pini, per poi costeggiare i megaliti e coronare in strapiombi rocciosi… Paesaggi incantevoli che si susseguono in funzione dei percorsi!

Leggende ed esotismo sulle rive della Loira

Una strana figura anche in questi luoghi! A Saint-Brévin, un serpente di mare gigante emerge dall’estuario. Questa creazione artistica fa l’eco al Jardin étoilé, nel paese di Paimbœuf. Queste due opere spostano l’immaginario asiatico lungo la Loira. Sulla terra, l’avventura porta verso l’Africa nel parco zoologicoPlanète Sauvageo nel mondo leggendario delSentier des Daims.Per un viaggio tra i colori, la direzione giusta è quella del festival pirotecnico di Saint-Brévin.

Lo sapevate?

Il curé nantais, un formaggio di Pornic

Il “curé nantais” (curato di Nantes) benedisce i buongusati perchè si tratta di un formaggio, l’unico originario del dipartimento della Loire-Atlantique. Partendo dal latte di mucca su consiglio di un curato, viene prodotto a Pornic. Da gustare anche fuso in un hamburger o su una galette.