Saint-Cado e la ria d'Etel

Una fuga tra terra e mare

Foto 1 Saint-Cado e la ria d'Etel Foto 2 Saint-Cado e la ria d'Etel Foto 3 Saint-Cado e la ria d'Etel Foto 4 Saint-Cado e la ria d'Etel Foto 5 Saint-Cado e la ria d'Etel

La Ria d’Etel, golfo marino alimentato da diversi corsi d'acqua, forma, con il pittoresco îlot Saint-Cado uno dei luoghi più belli della regione. Tra Lorient e Vannes, allevamenti di ostriche, paludi e penisole rappresentano, in questo mare interno di 22 km2, una cartolina di rara bellezza.

La Ria d’Etel, valle fluviale invasa dal mare, è una baia riparata punteggiata di isolotti. Alla foce, la "barre d’Etel”, banco di sabbia in costante movimento, chiude la baia. Sostate nella regione, resterete incantati dalla varietà dei suoi paesaggi. Paludi, allevamenti di ostriche, dune, spiagge selvagge, cale suggestive con barche varipinte ormeggiate... Qui, la vista cambia continuamente a seconda della luce e delle maree. Uno spettacolo a cui non potrete resistere.

Squisite, le ostriche…

A  piedi, in moutain bike o perfino a cavallo, scoprite l'incredibile flora e fauna della Ria. Aironi, cormorani, beccacce di mare, piovanelli, rondini di mare... Un ambiente anche ricco di cozze, vongole, fasolari o lumache di mare. Non partite senza aver assaggiato l'ostrica del fiume Etel, orgoglio della regione.

Dall'altro lato del ponte

Delizioso borgo costruito su un'isola nel cuore del fiume, Saint-Cado, collegato alla terraferma da un ponte, è una delle tappe obbligate. Lasciatevi sedurre dalle adorabili case dei pescatori e dalla bella cappella romanica aperta tutti i giorni durante la stagione estiva. Al tramonto, la vista di questo piccolo borgo è fantastica.

Folklore e cornamuse

Un tempo primo porto per la pesca del tonno, il borgo di Etel celebra il suo glorioso passato ogni estate al suono delle cornamuse e delle bombarde per la festa del tonno. Un appuntamento da non perdere.

Lo sapevate?

Un ponte diabolico

Secondo la leggenda il ponte che collega Saint-Cado alla terraferma sarebbe opera del diavolo che avrebbe richiesto l'anima della prima creatura che lo avesse attraversato. Si dice che il santo, astutamente, fece passare un gatto!

Per saperne di più:  www.etel-tourisme.com