Suscinio e la penisola di Rhuys

La seduzione permanente

Foto 1 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 2 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 3 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 4 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 5 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 6 Suscinio e la penisola di Rhuys Foto 7 Suscinio e la penisola di Rhuys

I duchi di Bretagna apprezzavano già questa lingua di terra e di sabbia che chiude il Golfo del Morbihan. Sotto un sole spesso generoso, la penisola di Rhuys avanza con paludi e coste rocciose, porti intimi e dolci spiagge. Arrivando a Port-Navalo si rimane sorpresi dai suoi contrasti.

Risveglio di tutti i sensi!

Allungandosi per più di 10 km con una media di 2 km di larghezza, la penisola di Rhuys intreccia il Golfo del Morbihan. La costa meridionale, esposta completamente a Sud, presenta belle spiagge sull’oceano. La costa nord appare frastagliata con molteplici insenature, riservando il proprio fascino ai visitatori più curiosi. A Est, le coltivazioni di ostriche disegnano una scacchiera lungo la costa di Pénerf. Queste variegate atmosfere hanno attirato la corte dei duchi prima di sedurre turisti e diportisti.

La vita in un castello affacciato sul mare

Suscinio si scopre per ultimo, in un turbinio di belle costruzioni. La sua posizione è straordinaria: il castello, circondato da paludi e da boschi con "vista sul mare", è situato più esattamente sull’ansa di Landrezac. Nel XIII secolo era una postazione da caccia, come testimoniano i cervi scolpiti sull’ingresso. Rimaneggiato, diventa la residenza dei Duchi di Bretagna e di Anna di Bretagna. La sua vasta cinta di mura è accerchiata da doghe e fiancheggiata da 6 torri. Prima di "picchiare la testa", viaggiate nella storia visitando il grande Logis, il cammino della ronda, gli alloggi del XV secolo e uno straordinario pavimento medievale.

Il paradiso alla fine del mondo

Numerosi percorsi si rivelano essere strade senza uscita. Tuttavia, percorreteli: alla fine ci sarà senz’altro un piccolo porto, delle barche a vela ormeggiate, una cala orlata da giunchi, una vista sulle isole del Golfo… Port-Navalo offre panorami impressionanti soprattutto sulle correnti all’incrocio tra le acque del golfo e dell’oceano. Più calmi, il mulino a marea di Pen-Castel, uno dei più belli di Bretagna, e il porto del Logeo che sembra avere virtù calmanti. Più in alto, la cima di César è un tumulo dove Giulio Cesare avrebbe seguito la battaglia navale che lo opponeva ai veneti. È dunque un osservatorio privilegiato. Più recente, l’abbazia di St-Gildas accoglie un tesoro di grande qualità. Più verde, lo Château di Kerlevenan apre il suo parco al pubblico.

Lo sapevate?

Dove far scalo?

Con 1400 ormeggi, il Crouesty è uno dei porti più importanti sull’Atlantico. Gli appassionati vi si ritrovano per il Mille-Sabords, il salone nautico delle occasioni.