Le Sept-îles

Begli incontri all’orizzonte

Foto 1 Le Sept-îles Foto 2 Le Sept-îles Foto 3 Le Sept-îles Foto 4 Le Sept-îles Foto 5 Le Sept-îles

A largo della superba côte de Granit rose (costa di Granito rosa), le polveri del continente emergono a fior d’acqua. Imbarcandosi a bordo di una vedetta, potrete entrare in questo reame fiabesco di uccelli marini. Un balletto incessante di ali e una fanfara di grida accompagnano la vostra crociera tra piume e schiuma.

Isole e ali

A sette chilometri dalle rocce rosa di Ploumanac'h, le Sept-Iles suddividono il caos granitico tra Rouzic, Costans, Malban, Bono, l’’île aux Moines, l’’île Plate e le Cerfs. 40 ettari a strapiombo sugli abissi. Gli uomini hanno abbandonato queste superfici aride a eccezione di 2 guardiani del faro che vi si ritrovano ogni 15 giorni. Sull’île aux Moines, la più grande, i Cordeliers vennero a pregare in solitudine nel XIV e XV secolo. Oggi, l’arcipelago è un paradiso per gli uccelli.

In mare, state con la testa per aria!

Per la gioia dell’avifauna, l’arcipelago è stato classificato Sito Naturale protetto nel 1912 poi Riserva Naturale nel 1976. Con più di 20.000 coppie di uccelli marini e 27 specie rare, è la riserva più importante del litorale francese. Un santuario per gli uccelli prima delle loro lunghe migrazioni! Le escursioni in barca, con partenza da Trestraou (Perros-Guirec) fanno rotta verso questo universo affascinante. In programma: una tappa all’île aux Moines, una vista indimenticabile sulle fantasie della costa di Granito rosa, i commenti delle guide appassionate. Il tutto in compagnia di urie, cormorani crestati, pinguini torda, gabbiani tridattili, zafferani, gabbiani argentati o marini… In cima a tutti figurano le simpatiche pulcinelle di mare e le sule bassane. Se sarete fortunati, vedrete spuntare i baffi delle foche grigie.

Il regno della sula

L’île Rouzic stupisce per la sua estremità Nord di colore bianco. Questo aspetto si spiega con l’alta densità dell’unica colonia francese di sule bassane. 17.000 coppie dalle piume bianche e dalla testa gialla hanno poggiato qui le loro zampe. Lo spettacolo di questi uccelli slanciati, con un’apertura alare di quasi 2 metri, è impressionante. I loro tuffi in picchiata da 30 metri di altezza fanno sognare...

Lo sapevate?

Un altro nome per le sept-îles?

In bretone, l’arcipelago delle Sept-Iles si chiama "Ar Jentilez". Un nome che preannuncia un destino e che significa "Le Gentili".