Fauna e flora

Una ricchezza difesa con becchi e spine

Una straordinaria biodiversità fiorisce. La varietà dei paesaggi, il passaggio di rotte migratorie, la dolcezza dei microclimi hanno permesso di accogliere diverse specie, in terra, in mare e nell’aria. Alcune sono inscindibili dalla regione. Il ginestrone e la ginestra fioriscono a ogni angolo. I gabbiani, sorvolando i delfini, riecheggiano tra le scogliere, colorate di piante rare.

Foto 1 Fauna e flora Foto 2 Fauna e flora Foto 3 Fauna e flora

I colori della terra

Le ginestre e i ginestroni spinosi dai fiori gialli contrastano con il fucsia della brughiera. Meno selvaggia, anche l’ortensia è un emblema della Bretagna.

Tesori naturali!

Il narciso di Glénan, la drosera dei Monts d’Arrée, l’eringio marino o il cardo blu con fiori stellati sono protetti. Si nascondono negli angoli isolati o si difendono con le loro spine.

Scogliere, giardini verticali e rifugi per uccelli

Una flora originale riesce a conquistare il granito spazzato dagli spruzzi delle onde. I licheni, le armerie, le spergularie dai fiori rosa, i cavoli selvaggi dai fiori gialli, dipingono le pareti. Il gabbiano tridattilo con le sue ali dalla punta nera, il grande gabbiano marino, l’imperdibile gabbiano argentato, l’imponente sula, il cormorano upupa vengono a posarsi qui. Più rari, le urie, le pulcinelle di mare e i piccoli pinguini si ritrovano soprattutto sulle Sept-îles ( Sette Isole). L’avifauna apprezza anche i Cap Fréhel e Sizun.

Conchiglie e crostacei

La battigia, la zona che si scopre con la bassa marea, è il paradiso dei pescatori a piedi. I loro panieri si riempiono di vongole, gusci, pervinche, gamberetti e deliziosi piccoli granchi. Il granchio verde, inutile in cucina, è un efficace spazzino delle rive.

Dove vedere i delfini?

Balletti di delfini seguono le barche nel mare d’Iroise. Un altro grazioso animale, la foca grigia, ha scelto come domicilio le Sept-îles e Molène. Alcuni piccoli squaletti mostrano a volte le loro pinne.

L’ermellino è veramente bianco?

L’animale simbolo della Bretagna è rappresentato nella sua veste bianca invernale. Ora, nella realtà del clima regionale, l’ermellino non lascia quasi mai il suo mantello bruno. Il pennello di peli neri della sua coda lo distingue dalla donnola, ospite degli stessi luoghi.

Lo sapevate?

Dove immergersi senza bagnarsi?

Dai campi d’alghe ai terreni di aragoste, dalle rocce delle foche alle profondità che ospitano le gallinelle, tuffatevi per un accattivante viaggio nel mare bretone, a Océanopolis, a Brest.

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com