Patrimonio religioso

Monumenti sacri

Non c'è baia, angolo di terra o scogliera che non abbia una croce in pietra, una statua o una cappella. I bretoni, intimamente legati al sacro, non si sono fatti pregare per riempire la regione di monumenti religiosi. Molto più che le cattedrali, sono le moltissime chiese e la ricchezza dei recinti parrocchiali a impressionare. Non a caso sono circa 900 santi che proteggono i fedeli.

Foto 1 Patrimonio religioso Foto 2 Patrimonio religioso Foto 3 Patrimonio religioso Foto 4 Patrimonio religioso Foto 5 Patrimonio religioso Foto 6 Patrimonio religioso

Quante cattedrali?

Nove cattedrali per migliaia di chiese e cappelle! Il granito, difficile da lavorare, ha necessitato secoli di lavori, che vanno dal gotico più raffinato al gotico fiammeggiante. Le bellissime guglie svettano sopra ai quartieri storici. Gli edifici più interessanti sono quelli di Dol, Tréguier, Quimper, Nantes e Saint Pol de Léon.

Cappelle per tutto e per tutti

L’età dell'oro bretone, quando le tele di canapa e di lino invadevano l'Europa, permise alle parrocchie di costruire la propria cappella; l'arte delle vetrate si sviluppò notevolmente. La struttura è spesso rivestita come lo scafo di una nave. L’abbondanza di cappelle permetteva di pregare una grande quantità di santi, pronti a rendere servizio, in cambio di preghiere e riti originali. Servan curava i foruncoli, Mériadeg la sordità, Gwenn le malattie della pelle… E senza ricetta!

È possibile entrare nei complessi parrocchiali senza pericolo?

Andando alla scoperta dei complessi parrocchiali, rischierete di restare colpiti... dall'esuberanza dei luoghi. Questi luoghi monumentali si sono sviluppati tra il XV e il XVII secolo. Una porta trionfale separa lo spazio profano della chiesa dal calvario e dall'ossario. I calvari sono capolavori in pietra, che rappresentano una serie di personaggi. Sono oltre 200 a Guimiliau: un vero fumetto in granito! Anche i recinti di St Thégonnec, Pleyben, Plougonven e Tronoën sono altrettanto spettacolari.

Abbazie propizie alla meditazione

Maestose abbazie fanno credere… nella nella bellezza della natura. Le vestigia dell'abbazia St Mathieu, sulla punta che porta lo stesso nome, rivelano stupendi panorami nell'apertura delle sue ogive. L'abbazia di Beauport a Paimpol si prende cura dei suoi frutteti in riva al mare. Ai piedi del Blavet, l’abbazia di Bon-Repos riprende vita.

Lo sapevate?

Come fare per essere notati?

Durante le processioni, le parrocchie mettono in mostra il loro stendardo fiammeggiante: un pesante stendardo cristiano coperto da ricami di seta, oro e argento.

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com