Pesca a piedi sulla penisola di Crozon

Grandi spazi e aria ricca di iodio garantiti

Foto 1 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 2 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 3 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 4 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 5 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 6 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 7 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon Foto 8 Pesca a piedi sulla penisola di Crozon

Voglia di scoprire i piaceri della pesca a piedi e di fare il pieno di aria marina… Infilatevi gli stivali e, tra amici o in famiglia, venite a trascorrere una giornata o un week-end da Joël e Martine.
Sulla penisola di Crozon, i molluschi devono solo stare all’erta !

Benvenuti al Ty Bihan !

pêche à pied sur la presqu'île de Crozon

Arrivati a fine giornata Joël et Martine ci accolgono con calore e semplicità nel loro piccolo angolo di paradiso : un borgo di due belle case in pietra che hanno ristrutturato 6 anni fa. Attorno a un bicchiere di kir bretone fatto in casa ci lasciamo sedurre dall’atmosfera conviviale del posto. La serata prosegue con una cena dai sapori del mare : zuppa di pesce e per finire un crumble di mele e banane con farina d’avena, specialità di Martine !

Una passione di famiglia

L’indomani mattina ci aspetta una copiosa colazione. Joël ha tirato fuori libri e brochure, perché prima di lanciarci all’assalto dei vasti spazi è meglio conoscerne gli abitanti. Dalla vongola ai percebes, passando per le orecchie di mare e i granchi, Joël a un aneddoto per tutti! Bisogna dire che la pesca a piedi per Martine e Joël è una storia di famiglia, un sapere tramandato di generazione in generazione. E la tradizione continua, visto che la loro figlia Morgane è già completamente innamorata della pesca a piedi. Ora tocca a noi metterci in gioco !

Paesaggio della grande marea

Arrivati sulla spiaggia di Seillou, il panorama è impressionante. Davanti a noi si apre un paesaggio a 360 gradi: la distesa di spiaggia scoperta dalla marea, con sullo sfondo Aulne, l’abbazia di Landevennec e alla nostra destra la rada di Brest. Lontano, si vedono piccoli gruppi di pescatori venuti a stanare le orecchie di mare. Ci infiliamo gli stivali e condividiamo gli attrezzi : cesti, raschietti ed ecco che partiamo per il giardino del mare!

La pesca della cappalunga ovvero come ritornare bambini !

Per iniziare, Joël ci propone di stanare le cappelunghe. E’ davvero divertente, perché acciuffarle richiede una tecnica particolare ! Joël ci rivela il trucco: « si cerca una buca ovale, si mette un po’ di sale, non si fa rumore e si aspetta che il crostaceo salga. Quando esce, lo si afferra e si aspetta che il muscolo si ritragga per lasciarsi prendere». Tra le strida dei gabbiani, sotto il sole il sale passa di mano in mano. I bambini, Maxime e Clara, inizialmente un po’ timidi, si lasciano prendere velocemente dal gioco! Gli adulti non sono da meno ! Bruno è molto fiero di aver vinto il concorso della più grande cappalunga !

Una raccolta fruttuosa

Un po’ più lontano osserviamo gli scogli, alla ricerca di ostriche. Le ostriche si mimetizzano con la roccia per ingannare i pescatori. Ma i nostri occhi si fanno vigili,. Joël e Bruno, muniti di uno scalpello, le staccano velocemente. Sotto le alghe, le litorine si trovano a palate, basta abbassarsi per raccoglierle. Martine ci insegna a distinguere le buone dalle cattive, in base al colore nero e alla forma bombata. Facendo attenzione a tenere solo le conchiglie di misura regolamentare e a non deturpare l’ambiente, il nostro cesto si riempie : cappalunghe, vongole, ostriche, litorine. Clara e Maxime sono felici di sguazzare nell’acqua. Durante i loro giochi, fanno dei piacevoli incontri : « guarda, una lumaca di mare», « e qui una cieca, una piccola anguilla, un colpo di fortuna, perché è una specie in via di estinzione! ».

Rientro dalla pesca

pêche à pied sur la presqu'île de Crozon

L’aria aperta ci ha fatto venire appetito, quindi ci lecchiamo i baffi all’idea del piatto di frutti di mare che ci aspetta. Ritornati a casa, organizziamo un piccolo laboratorio culinario. Martine e Morgane ci insegnano a cucinare le cappelunghe e le litorine, mentre gli uomini si occupano delle ostriche. La nostra tavola, una volta apparecchiata,  assomiglia a un vero banchetto di mare ! Gli occhi brillano ! Non capita tutti i giorni di poter gustare ostriche non di allevamento !

Ulteriori informazioni

 Uscita pesca a piedi di una giornata : 50 € da 2 a 6 persone

Soggiorno 3 giorni/ 2 notti tutto incluso, nel periodo delle grandi maree

118 € / Adulto - 78 € / Bambino

Trovate le date delle grandi maree su : www.grandes-marees.com

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com