Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero

Un’escursione in tutta tranquillità al largo di Perros Guirec

Foto 1 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 2 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 3 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 4 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 5 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 6 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 7 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero Foto 8 Rotta per le Sette Isole a bordo di un vecchio veliero

« Mollate gli ormeggi ! ». Respirate il vento dell’avventura a bordo del Saint Guirec, magnifica imbarcazione tradizionale. Per non patire il mal di mare potete contare sulla calorosa accoglienza del capitano. Denis le Braz mette a proprio agio i novellini come i marinai esperti. Partendo da Perros Guirec, imbarcatevi per le Sette Isole e i loro tesori !

Oh hissa !

A bord, nous participons aux manoeuvres

Appena usciti dal porto, mano alle drizze per issare la mezzanella. Nessuna malizia! Si tratta di tirare le corde per issare la vela di poppa. Su questa vecchia imbarcazione, copia di un battello per la pesca di aragoste del 1920, le vele dai colori ruggine e caramello s'intonano allo scafo verde. Delphine, la dinamica skipper, ci fornisce le nostre prime nozioni di marina. Che piacere tenere il timone, con lo sguardo fisso, con fierezza, all’orizzonte. La nave ha una bella andatura, con la sua prora dritta. Denis la paragona a una « cerva sull’acqua ».

Un caffè, con vista insuperabile

Un café avec vue imprenable sur la mer

Fatte le prime manovre, la campana di bordo ci riunisce attorno a caffè e brioche, in mezzo alle onde e a un paesaggio da sogno. Si fa conoscenza tra di noi marinai per un giorno. Il Saint Guirec o Sant C'hireg corre verso Bono, Malban, Rouzic, l’isola Plate, l'île aux Moines (l’isola dei Monaci), il Costans et il Cerf. I lupi di mare ce le indicano una per una. A babordo, dei cormorani asciugano le ali sulle cime rocciose.

Vicino a strani uccelli !

A bord de la vedette, nous nous approchons de très près des 7 îles

Circa la metà di Bono è bianca. Una roccia dal colore insolito? Il guano degli uccelli ? Nessuno dei due! E’ l’alta densità di Pazzi di Bassan a tingere l’isola di bianco, 20 000 coppie nidificano tra le falesie. A bordo di un canotto, abbiamo il privilegio di avvicinarci. Motore al minimo, li scopriamo da vicino. La nostra skipper ci fa sapere che hanno delle « zampe che si riscaldano », un « air bag » sulla testa e che si immergono fino a 20, 30 m di profondità… Ci racconta il temibile battesimo dell’aria dei giovani, la loro incredibile fedeltà… Che uccelli straordinari! A sud dell’isola, ci imbattiamo naso-becco con delle pulcinelle di mare, « bohanig » in bretone. Binocolo in mano, ammiriamo il loro corpo bianco e nero, il loro becco rosso. Questi affascinanti uccelli sono stati a lungo cacciati. La loro quasi estinzione ha portato nel 1912 alla creazione della LPO (Lega per la Protezione degli Uccelli) e della riserva ornitologica delle Sette Isole, la più importante di Francia. Oggi 120 coppie di pulcinelle di mare si godono il loro territorio. Altre specie uniche fanno loro compagnia. Qual è la prossima sorpresa? Là, a tribordo! Quattro foche grigie si abbandonano su uno scoglio. Due si lasciano scivolare nell’acqua . E’ una fortuna vederle !

All’arrembaggio della storia !

Escale à l'île aux moines, Denis nous raconte l'histoire des 7 îles

Scalo all'île aux Moines; ci accostiamo gettando l’ancora vicino a un altro vecchio veliero, l'Ar Jentilez. Visto che la marea è molto bassa, qualche comica peripezia anima il nostro sbarco. Dopo un pranzo tutti insieme davanti alla Costa di Granito Rosa, il giro dell’isola rivela splendidi panorami. Denis, innamorato di questa regione, ci racconta in che modo cinque isole si siano trasformate in Sette Isole, come dei monaci galli abbiano conquistato gli abitanti della costa e perché La Pérouse reclutasse i suoi equipaggi nei dintorni. Il soffio dell’avventura e della storia ci porta via. La marea detta i propri orari, ripartiamo. Dei gabbiani vengono a mangiare dalle nostre mani. Il vento ci permette di guadagnare in velocità ed emozioni, aumentando l’inclinazione dell’imbarcazione. Con il sale sulla pelle e la testa piena di immagini, passiamo la chiusa piacevolmente. Felici, stupiti, plaudiamo il rientro nella darsena. Un indimenticabile viaggio in mare in uno splendido patrimonio naturale !

Annick André

Ulteriori informazioni

Escursione in giornata in partenza da Perros Guirec

Prevedere pranzo al sacco e vestidi caldi

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com