Saint-Goustan - Port d'Auray

Un amore di scalo

Foto 1 Saint-Goustan - Port d'Auray Foto 2 Saint-Goustan - Port d'Auray Foto 3 Saint-Goustan - Port d'Auray

Passando sul ponte della strada a 4 corsie tra Vannes e Lorient, un piccolo porto cattura la vostra attenzione. Immerso nel fondo di una ria, Saint-Goustan attraversa i secoli, conservando le sue stradine in pavé, il ponte di pietra, le sue case a pannelli di legno e le banchine piene di vita. L'atmosfera leggiadra vi invita a rilassarvi con una dolce passeggiata.

O-issa!

Meglio evitare i tacchi alti quando si cammina a Saint-Goustan. Per cominciare, le pendici del Loch, costruite sulle rovine di un castello-fortezza, discendono verso il porto. Poi le terrazze ombreggiate della passeggiata, il panorama che si affaccia sulle banchine... La riva più pittoresca si riunisce attraversando il ponte con i quattro archi di pietra del XIII secolo. Place Saint-Sauveur, con il suo pavé bombato, è incorniciata da case a graticcio. Le strade ripide, intercalate da gradini, partono all'attacco del quartiere, contornate da facciate a graticcio. Le dimore del XV e XVI secolo denotano un ritmo rispettabile che la sera viene trasferito al brusio dei locali all'aperto.

Le bella strada del castello risale verso il centro della città. Alcuni zig-zag tra le botteghe degli artigiani e le gallerie d'arte rendono il percorso più piacevole.

Seguendo il patrimonio

Prima di una passeggiata a Saint-Goustan, nella sua convivialità che aumenta man mano che si fa sera, è possibile costeggiare il fiume Auray, il nome dato al Loch quando diventa soggetto alla marea. Châteaux e manieri trovano riparo nella fustaia o nelle suggestive anse. La maggior parte di questi sono visibili soltanto dal fiume mentre alcuni possono essere raggiunti dalla strada. Perché non imbarcarsi su una vedetta per costeggiare le rive?

Tutti sulle banchine!

Città d'arte e di storia Auray-Saint-Goustan comprende la città alta e la città bassa, sulle rive del Loch. Le banchine risalgono al XIV secolo. Il porto, con la sua posizione strategica, si arricchisce nel Medioevo grazie ai dazi di passaggio riscossi sulle navi. Nei secoli XVI e XVII, il commercio del vino e dei cereali ne fa il terzo porto di Bretagna. I ricordi ancora risuonano sulle lastre di granito che raccontano dello sbarco dell'americano Benjamin Franklin nel 1776, giunto in Francia per incontrare Luigi XVI.

Lo sapevate?

Cosa si gira a Saint-Goustan ?

La roccaforte di Georges Cadoudal, capo della chouannerie bretone (movimento formatosi in opposizione al giacobinismo) era situato ad Auray. Philippe de Broca ha ovviamente scelto il centro storico per alcune scene del suo film "Chouans”!

Per saperne di più:  www.auray-tourisme.com 

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com