Rennes et les Portes de Bretagne

  • Rennes - Maisons en pans de bois
  • Le Château de Fougères
  • Jardins de la Ballue

Benvenuti nella capitale! Quella della Bretagna. Lasciatevi conquistare dall’atmosfera gioiosa, da una regione all’avanguardia, collegata e creativa.Rennes e le sue affini? Sono la giovinezza e la cultura. Ma anche una serie di roccaforti che un tempo difendevano la regione. A 1 ora e 30 min. da Parigi in TGV, è il “city break” facile, la natura e altro ancora.

I posti da non perdere

La destinzione

Place Rallier du Baty — Rennes

Una tappa fondamentale a ovest

Giovane, moderna, dinamica… Questa è Rennes. La capitale bretone è famosa per la vitalità degli studi e il suo ricco patrimonio storico. Giudicate voi: stradine medievali, il Parlamento di Bretagna, il grande parco del Thabor… E il Marché des Lices? È uno dei mercati più colorati di Francia. Negozi di tendenza e bar animati, concedetevi una tappa cittadina a misura d’uomo, da percorrere senza problemi a piedi o in metrò. Delle applicazioni web divertenti e tematiche vi metteranno sulla pista di un passato al passo con i tempi.

Rennes et les portes de Bretagne — Carte
Château de Vitré

Quei castelli che custodiscono la Bretagna

Cavalieri e principesse, ci siete? Alle porte della Bretagna, le fortezze medievali di Fougères, Vitré e Châteaugiron non hanno affatto perso il loro fascino. Agli avamposti della regione, furono costruite tanto tempo fa per proteggere gli ingressi dagli assalti dei nemici. Ognuna con la sua torre, il ponte levatoio e le bastioni, per gli amanti del patrimonio e delle belle storie. Ma un tesoro potrebbe essere ancora nascosto…chissà dove… partecipate al geocaching per conquistare le piazzeforti delle avanzate di Bretagna.

Les Tombées de la nuit

Divertitevi!

D’estate come d’inverno, i festival fanno il pienone: è una tradizione. Tutti i gusti e tutte le arti hanno il diritto di essere menzionati. La musica attuale? Andate ai Transmusicales. Il racconto? Fate un giro a Mythos. Gli spettacoli di strada? Non perdetevi le Tombées de la nuit a Rennes. Il nuovo circo? Il Cirque ou presque a Noyal-Châtillon-sur-Seiche. Spettacoli fiabeschi all’aria aperta? Le Etincelles aquatiques a Martigné-Ferchaud. Ciliegina sulla torta, il meglio della creazione contemporanea si sposa a meraviglia con le danze e le musiche popolari di Bretagna al festival Yaouank e all’associazione Granjagoul.

Forêt Adrénaline

Hobby all’aria aperta

Verde e blu sono i colori dominanti dei paesaggi di Rennes attraversati da boschi e specchi d’acqua. I vari spazi naturali consentono di praticare qualsiasi attività all’aria aperta. Un po’ di arrampicata sugli alberi nella foresta di Villecartier? Perché no! Un po’ di windsurf sul laghetto di Boulet? Da non perdere. Scendere la Valle del Couesnon in canoa? Indimenticabile. Infilatevi le vostre scarpe da escursione, uscite dai club di golf, gonfiate le ruote della vostra bici… Rennes e le porte di Bretagna si scoprono “in modalità natura”.

Osate con l’arte contemporanea

A Rennes le creazioni contemporanee trovano meritatamente la loro vetrina. Il Fonds régional d’art contemporain (FRAC), le gallerie private, la biennale degli atelier di Rennes, le opere di street art e le sorprese della commissione pubblica in città ne sono una testimonianza. Ma l’arte moderna si può esporre altrettanto bene in campagna. Come nello straordinario Village de Bazouges-la-Pérouse. Mirate più in alto? Giocate a nascondino dietro le sculture monumentali sparse nei parchi del Château des Pères, della tenuta di Bois Orcan o del ristorante Ar Milin’.

La Roche aux fées

La Roche-aux-fées, tempio della preistoria

Il più grande dolmen di Francia, eretto 2.000 anni fa, è situato a Essé. Il suo nome, la Roche-aux-Fées (roccia delle fate), evoca molti misteri… Come hanno fatto i nostri antenati del neolitico a costruire questo viale coperto con pietre di 40 tonnellate? E a quale scopo esattamente? Nessuno lo sa. Secondo la leggenda, la fata Viviane e le sue amiche ci hanno messo lo zampino… in occasione del solstizio d’inverno, alzatevi all’alba per ammirare lo spettacolo del suo allineamento perfetto con il sole. Ancora e sempre magia…

Bécherel (35)

Paesi di gente appassionata

Uscite dai sentieri battuti! Nel cuore della campagna, fate una sosta nei paesini di carattere dove gli abitanti vivono della stessa passione. A Bécherel, la città del libro®, aprirete le porte del paradiso delle librerie, dei venditori dei libri usati e degli avidi lettori. A Mellé, paese sostenibile, la popolazione si è impegnata in un progetto fuori dal comune. Scoprite le iniziative innovative di questo piccolo comune del patrimonio rurale: il suo borgo-giardino, le passeggiate a tema… A Lohéac, avventuratevi nel mondo dell’automobile di prestigio. Infine, il  “ Villaggio” di Bazouges-la-Pérouse vi invita a incontrare gli artisti contemporanei.

La Vallée du Boël

Passando per il canale

Che bella idea aver attrezzato l’alzaia del fiume La Vilaine e del canale di Ille-et-Rance a sentiero per escursioni… Da un lato Redon, dall’altro Saint-Malo. A piedi, in bicicletta o su una chiatta? Tutto è possibile. Prendetevi il tempo di esplorare i paesaggi e la biodiversità di questi angoli naturali degni d’interesse. A sud, il fiume prende la tangente e scava la roccia nei pressi di Le Boël, Pléchâtel e Corbinières. Fate un’allegra sosta in famiglia per portare alla luce i tesori del geocaching…

Le Marché des Lices

A tavola!

Non perdetevene neanche un pezzetto: il marché des Lices di Rennes con i suoi 300 commercianti è uno dei mercati più grandi di Francia. Ma anche uno dei più golosi e animati, noto per essere il regno della galette-saucisse (salsiccia avvolta in una galette). Quella della Guerche-de-Bretagne? Ha quasi 1.000 anni! Qui si ama mangiare. I prodotti del territorio appaiono sulle grandi tavole stellate della capitale bretone, come al salone Ille-et-Bio di Guichen. La ricetta? Semplicità e generosità. A meno che non si tratti di gusto…

Parc Floral de Haute-Bretagne

Una breve visita al giardino

Amanti dei giardini, dei parchi e dei fiori rigeneratevi tra i viali di quattro “scrigni” dedicati all’eccezionale patrimonio vegetale. Etichettati “Jardins remarquables” (giardini degni d’interesse), il Parco botanico dell’Alta-Bretagna, il Castello di La Ballue, il parco di Boiscornillé e il Castello di Bois Orcan sono unici nel loro genere, ricchi di alberi centenari, di legni rari e massicci dai colori brillanti. Un’ode all’ “essere zen”: i parchi del Thabor, il ristonrate Ar Milin’ e il Castello di Rochers-Sévigné ne hanno fatto un modello.

da vedere, da fare

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com