Pittura

La Bretagna si espone al talento

Guizzi di colore puro hanno ammaliato Matisse. “Le meravigliose sfumature, le divine iridescenze” seducono Gauguin, capofila della Scuola di Pont-Aven. Il cielo fa girare la testa anche a Boudin. Bagnanti dall'aspetto tonico incantano Picasso. L'impressionante luminosità, la forza dei contrasti, il giallo e il verde della landa, questa delicata sfumatura glaz (questo “blu” del mare) hanno conquistato tutti i pittori.

Foto 1 Pittura Foto 2 Pittura Foto 3 Pittura Foto 4 Pittura Foto 5 Pittura

Dalla pittura all'acqua... del mare

Colbert crea il corpo dei pittori della marina. Accolti negli edifici ufficiali, aggiungendo un'ancora alla firma, intingono i pennelli in mare. Jean-François Hue, nel XVIII, dipinge la bellezza dei porti, in particolare quello di Saint-Malo. Marin Marie, nel XX secolo, mette il suo cavalletto a Cancale. Oggi, Titouan Lamazou e Philip Plisson (benché fotografi) hanno l'onore di firmarsi con un'ancora.

Sulle tracce dei pittori di Pont-Aven

Giunto nel 1886, Gauguin, accompagnato da Emile Bernard, Paul Sérusier e Maurice Denis, rende celebre Pont-Aven. La scuola si distingue per la sua forte espressività e i contrasti dei colori. Per continuare la loro vita bohemienne, con spese ridotte al minimo, i pittori si trasferiscono a Pouldu. Pagano l'alloggio dipingendo i muri della Maison Mary-Henry, oggi ristrutturata. Un sentiero conduce sulle tracce dei pittori per scoprire alcune opere nel luogo dove sono state realizzate.
A Pont-Aven, un museo e gallerie d'arte prolungano questo amore per i paesaggi e per le scene della vita bretone.

Bréhat e la sua tavolozza di colori

All'inizio del XX secolo, gli orizzonti mutevoli di Bréhat, le sue ortensie e le sue piccole insenature attirano l'attenzione degli artisti. Foujita, Matisse e Henri Rivière si trasferiscono qui per trovare ispirazione.

Un museo a cielo aperto

Nati in queste terre, i pittori si sono immersi nei colori della creazione. Paul Signac a Saint-Briac, Mathurin Méheut a Lamballe, Yvonne Jean-Haffen a Dinan, Tal-Coat a Quimper sono passati dal granito alle cimase. Star internazionali sono state rapite dalla luminosità del litorale. Boudin riscopre qui il cielo, Turner e Odilon Redon i porti. Monet dipinge 39 volte Belle-île. Picasso è sedotto dalle bagnanti e dal fascino delle spiagge di Dinard.

Lo sapevate?

Bere o dipingere?

A Pont-Aven o a Bréhat, gli artisti firmano alcuni affreschi. A Bréhat, per rispondere al proprietario di un cabaret che gli rinfaccia il suo debito, un pittore dipinge il suo viso su un bicchiere. Oggi, 200 bicchieri dipinti sono esposti al Café des Pêcheurs.

fans de Bretagne

Venite a condividere le vostre foto e testimonianze più belle con gli appassionati della Bretagna.

www.fans-della-bretagna.com