© Emmanuel Berthier
Pointe Saint‑Mathieu ‑ Le Conquet Un'antica abbazia illuminata da un faro

Pointe Saint‑Mathieu ‑ Le Conquet

Scogliere ripide spazzate dai venti e dal mare, un imponente faro a guardia delle rovine di un’antica abbazia… Qui, l’incanto è all’opera. La punta Saint-Mathieu sembra un concentrato di Bretagna. A due passi, il porto del Conquet permette di raggiungere le isole Ouessant e Molène. A Plougonvelin, il piccolo villaggio dà il suo timbro di autenticità al bellissimo resort per famiglie.

Un'antica abbazia illuminata da un faro

La leggenda narra che, riportando il corpo dell’apostolo Matteo, dei mercanti del Léon sarebbero stati miracolosamente salvati dal naufragio al largo di questa punta. Nel VI secolo, per ospitare le reliquie del santo, Tanguy vi fondò il primo monastero. Dell’abbazia oggi rimangono la facciata romanica, le volte in pietra del coro e le arcate della navata. Andate a farci una passeggiata al crepuscolo. È allora, illuminata dal faro, che è ancora più bella. Dietro, la cappella Notre-Dame-de-Grâce ospita un piccolo museo che contiene alcune vestigia dell’antica abbazia.

163 gradini più tardi…

Il sentiero marittimo della punta conduce ai menhir cristianizzati. Queste due pietre sormontate da croce erano soprannominate “Patibolo dei monaci”. Non lasciate la punta senza aver contemplato il panorama dalla cima del faro. Un po’ di coraggio! 163 gradini conducono alla cima, ma la vista degli scogli degli Antichi Monaci e della distesa delle Pietre nere vale un piccolo sforzo!

Rotta verso le isole!

Non lontano da lì, Le Conquet è il punto di partenza per Ouessant e Molène. Dal XIX secolo, il porto è famoso per la pesca di aragoste e granchi. È dalla punta di Kermorvan che la vista di Le Conquet e dell’arcipelago di Molène è la più bella. La sera, lo scintillio dei fari in lontananza è carico di fascino.

Un resort per famiglie di fronte al mare di Iroise

Acque turchesi, non meno di cinque spiagge… Alla stazione balneare di Plougonvelin non mancano le risorse per sedurre i bagnanti. Gli amanti delle sensazioni forti testeranno la tirolese del forte Bertheaume, un sito strategico a guardia dell’ingresso della rada di Brest. In estate, vi sono organizzati percorsi-spettacoli.

Lo sapevate?

Alla scoperta dei fari!

Un itinerario da Brest a Brignogan consente di scoprire tutti i fari della regione. 17 sulla costa, 13 in mare, 85 torrette e 204 boe galleggianti… I numeri danno le vertigini. A Ouessant, il museo dei fari e delle boe segnaletiche permette di conoscere tutto della storia di questi edifici e della vita dei loro guardiani.

Sito ufficiale del Turismo in Bretagna