© Eva Cléret
Pont‑l'Abbé La capitale del Pays Bigouden

Pont‑l'Abbé

Incastonata sul fondo dell’estuario, la cittadina caratteristica di Pont-l’Abbé è descritta da Maupassant come “la più bretone delle città della Bretagna bretonnante”. Il suo castello, il ponte abitato al quale deve il suo nome, le case degli armatori e dei mercanti evocano la sua fiera storia. Su questa terra di leggende, al centro del Pays bigouden, è stata creata la celebre cuffia che onora l’abilità delle ricamatrici e dei ricamatori.

La capitale del Pays Bigouden

Monumenti che portano i segni di una storia tumultuosa

Non appena superato il ponte, il castello si riflette nello specchio d’acqua. La fortezza medioevale del XIV secolo ha conservato il suo mastio e le sue cantine. Il corpo dell’edificio fu ricostruito nel XVIII secolo dopo essere stato incendiato dai Berretti rossi. La loro insurrezione contro nuove tasse ha suscitato delle rappresaglie: il campanile della chiesa di Lambour fu decapitato su ordine del re Sole nel 1675. In rovina, l’edificio merita una visita per la sua sfavillante facciata.

Un imponente chiesa gotica

Partendo dalle banchine, erette con le pietre delle antiche mura, piccole viuzze vi condurranno alla chiesa Notre-Dame des Carmes. È l’unica vestigia di un convento fondato nel XIV secolo. Nella cappella tipica dell’architettura “mendicante”, potrete ammirare le luminose vetrate del XIX secolo. Quelle del rosone, originario, sono incastonate in un grande merletto di granito.

Un importante luogo di commercio

le vie e le piazze sono costellate di edifici costruiti nel XVI e XVII secolo dai gentiluomini della regione. Ma la maggior parte delle belle dimore fu edificata nel XIX secolo da una borghesia che viveva di commercio, in particolare quello delle patate. Questa tradizione commerciale anima ancora il mercato del giovedì, il più importante della Cornovaglia, e i numerosi negozi che costeggiano le viuzze.

Lo SAPEVATE?

La Francia annovera 9 ponti abitati. Quello di Pont-l’Abbé ospita degli appartamenti, una biscotteria e la maison Le Minor, creatrice del kabig e produttore di biancheria per la tavola dai motivi stilizzati.

Da non perdere

  • Il castello dei Barons du Pont (XIII e XIV secolo)
  • Il Museo Bigouden (nel mastio del castello)
  • Il porto e il ponte abitato
  • La chiesa di Lambour (XIII e XVI secolo)
  • Il monumento agli abitanti del Bigouden (opera di François Bazin in granito e bronzo – premio nazionale nel 1929)
  • La chiesa Notre Dame des Carmes (XIV secolo – notevole rosone del XV secolo)
  • Il bosco Saint Laurent, teatro lussureggiante
  • Il circuito dell’alzaia – da 4 a 7 km

I dispositivi di visite guidate

  • Circuito di interpretazione

Informazioni e prenotazioni

Destination Pays Bigouden Sud


Sito ufficiale del Turismo in Bretagna
I nostri suggerimenti