© Guillaume Le Roy
Les Vieilles Charrues Carhaix: dal 16 al 19 luglio 2020
Guarda il video

Les Vieilles Charrues

Carhaix: dal 18 al 21 luglio 2019

Anche se il programma del Vieilles Charrues varia ogni anno, il festival può contare da più di 20 anni su un eclettismo inarrestabile e su un forte senso di convivialità, con la partecipazione di mostri sacri ma anche di artisti emergenti. Cinque palcoscenici, 80 firme, 230.000 spettatori… Una tappa a Mont d’Arrée è obbligatoria!

Carhaix

Se è nei vecchi barattoli che si conservano le marmellate migliori, i migliori concerti si tengono sicuramente durante i Vieilles charrues. Nel cuore del Finistère, il festival dà il là ogni anno a un ritornello che non ci si stanca mai di ascoltare. Un motivetto che ammalia non soltanto i ragazzini in piena crisi adolescenziale pop, gli amanti del rock ma anche i fan della canzone francese ancora sulla cresta dell’onda. Quale altro festival può vantare di aver fatto salire sullo stesso palco The Stooges, Hugues Aufray e i Suprême NTM? Di aver fatto cantare a squarciagola a dei punk la canzone Zizi di Pierre Perret? Qui, sappiatelo, non si chiede scusa quando si salta. E gli amanti di Moustaki, ballano anche sulle note di Tostaki dei Noir Désir. Qui si balla con una gavotte e davanti a Iggy Pop.

Nato nel 1992 dall’idea di un gruppo di amici tra cui Michel Troadec, per “farsi una bella mangiata, cantare e bere un bicchiere”, il festival dei vecchi aratri continua sulla stessa scia. Solo che i testimoni della (s)cena sono giusto un tantino più numerosi…

Vi piacerà anche

Sito ufficiale del Turismo in Bretagna
I nostri suggerimenti