© Spa Marin Val André
6 indirizzi di talassoterapia ghiotti in Bretagna

6 indirizzi di talassoterapia ghiotti in Bretagna

In Bretagna talassoterapia e buona tavola sono un’accoppiata perfetta. Sono finiti i tempi dei piatti a basso contenuto calorico o delle specialità ricche di grassi e con calorie vuote. Oggi i salutisti e i turisti che effettuano trattamenti di talassoterapia possono anche avere il piacere di degustare piatti sani, equilibrati e squisitissimi. Tutti gli stabilimenti bretoni della baia di La Baule privilegiano prodotti locali e di stagione. Gli amanti della cucina gourmet, dei bistrot, dei piatti light ma anche di cibi senza glutine o vegani saranno sempre serviti. Buona notizia: questi ristoranti sono aperti ai turisti di passaggio e alla clientela locale. Buona degustazione!

L’Osens e l’Arsaour novità a Dinard

Di fronte di Saint-Malo, il Novotel Dinard Thalassa sea & spa ha di recente rinnovato il suo spazio di ristorazione con un design moderno e d’ispirazione riviera molto riuscito. Si pranza e si cena di fronte alla Manica e alle isole che emergono con la bassa marea. Qui potete scegliere tra due ristoranti: l’Osens, diretto dallo chef Mathieu Esnault, che mette in primo piano i prodotti del territorio. E l’Arsaour (solo 20 coperti), la piccola novità, dal servizio easy e con menu senza glutine che mette in primo piano ceviche, insalate di quinoa, vini bio, ecc. A fine giornata ci si regala un aperitivo al bar l’Albatros. Superbo tramonto sul mare assicurato!


Le Cap-Horn, un’istituzione a Saint-Malo

Il ristorante Cap Horn delle Terme marine di Saint-Malo è noto per la sua cucina gastronomica, diretta da anni dallo chef Patrice Dugué, maître restaurateur, e dallo chef pasticcere Pascal Pochon, Maître chocolatier. Patrice Dugué crea una cucina decisa e gourmet, a base di prodotti locali e frutti di mare provenienti dalle aste bretoni. Il menu è ricco sia di pesce (spigola, rombo, saint-pierre…) che di carne e la cantina riserva belle sorprese. Un dessert della casa? Il kouign aman bretone rivisitato, ovviamente!
Per una versione light ma non per questo meno gustosa, prenotate al ristorante la Verrière. Nelle belle giornate, sono serviti anche piatti semplici e una bella frescura (a pranzo e a cena la sera) sulla Terrazza che si affaccia sulla spiagge del Sillon. Ideale per i pranzi in famiglia!


Le S Restaurant, di fronte alla baia di Saint-Brieuc

Un po’ più a sud, nella baia di Saint-Brieuc, andate allo S Restaurant, alla Spa Marina del Val André Thalasso e resort. Qui il menu è breve ma creativo: potrete scegliere tra tre primi, tre piatti di pesce e tre di carne, o un menu ovviamente. Le specialità di mare sono i piatti forti di questo ristorante dalla decorazione zen, come la famosa capesanta Saint-Jacques di Erquy (durante la stagione), che si pesca a pochi chilometri da lì da novembre a aprile, o il pesce affumicato (salmone, haddock…) proveniente dall’affumicatoio artigianale di Saint-Cast. La sera, lo chef prepara un menu scoperta, composto da 3 piatti a base di prodotti di stagione. Un bel indirizzo in questa piccola città balneare di Côtes d’Armor.


Menu degustazione o brunch allo château des Tourelles!

Dall’altro lato della baia di La Baule, allo Château des Tourelles, lo chef Donatien Sahagun Mencias risveglia il goloso che dorme in ciascuno di noi. La sua cucina sana, equilibrata e piena di sapori privilegiati usa prodotti freschi e regionali: si tratta di “astici delle nostre coste appena affumicati, asparagi teneri, uova di quaglia, brodo alle bacche rosa” o di merluzzo “in ceviche, tartare e croquette di carote, opalina e succo di carote alla curcuma”. Un menu degustazione permette di scoprire il tocco di questo giovane chef che ha guadagnato il titolo di maître restaurateur. Ma si può venire qui anche per offrirsi un semplice piatto o per il brunch pantagruelico della domenica (55 €, 25 € per i giovani dai 4 ai 12 anni). Da condividere in famiglia o con gli amici, di fronte all’Atlantico. E senza smancerie!


Il “made in” Bretagna rivisitato a Concarneau

Direzione Finistère-sud e la città fortificata di Concarneau per questa sosta gourmet. La talassoterapia di Concarneau ha aperto le sue porte quattro anni fa e fin dall’inizio, è lo chef Cyril Le Rest che ha preso le redini del ristorante Le Domaine. Questo fan di una cucina contemporanea firma piatti di stagione a base di prodotti freschi, ispirati alla Bretagna natale. Potrete gustare la sua specialità, il merluzzo cotto su pietra e affumicato agli aghi di pino marittimo o lasciarvi tentare dal maialino in coccio d’argilla. Se siete appassionati di frutti di mare, forse impazzirete per un granchio o un astice (ma è più caro!) in diretta dal suo vivaio.


Questa sera si cena al Fouquet’s a La Baule!

Se vi piace lo stile brasserie di lusso e soggiornate a La Baule, questo ristorante sicuramente vi sedurrà… Al Fouquet’s dell’hotel Barrière Le Royal Thalasso & spa, si ritrovano i codici e i grandi classici di questa istituzione parigina, come il cuore di filetto di manzo al pepe nero in salsa Champs-Elysées… Ma non solo. Si è indecisi davanti a un’ampia scelta di pesce (filetto di spigola in olio d’oliva con carciofi alla menta, merluzzo fresco macerato al miso, pesci bianchi, sedano bianco e fagioli verdi…), di carne e di dessert golosi che figurano nel menu elaborato con Pierre Gagnaire. I vini sono stati selezionati da Manuel Peyrondet, miglior sommelier di Francia e MOF. Se desiderate mangiare equilibrato, gustate i piatti benessere creati dallo Chef Mikaël Amisse e dai dietologi della struttura, il menu cambia tutti i giorni. Si trova a fianco della spiaggia Benoît: perfetta per sgranchirsi le gambe dopo un buon pasto!

Vi piacerà anche

Sito ufficiale del Turismo in Bretagna
I nostri suggerimenti