© Alexandre Lamoureux
Alla scoperta delle cappelle bretoni Una selezione di 8 siti autentici e affascinanti

Alla scoperta delle cappelle bretoni

Cosa sarebbe la Bretagna senza la sua sfilza di piccole cappelle adagiate nel cuore della campagna o a margine di un sentiero scavato nella vegetazione? Giunte a noi dal fondo dei secoli, seducono per l’ambiente preservato che le circonda e per le bellezze nascoste tra le loro mura. Tra jubé impressionanti, affreschi suggestivi e vetrate notevoli, una selezione di 8 siti ricchi di fascino.

chapelle-notre-dame-du-crann-spzet-ig-m-tugores-berthou.jpg

Una selezione di 8 siti autentici e affascinanti

1 – La sontuosità di Sainte-Barbe

Le Faouët (56)

Se avete paura del temporale, non c’è niente di meglio di una visita alla cappella di Sainte-Barbe per ripararvi! Spesso invocata per il suo potere sul fuoco e sui tuoni, Santa Barbara dà nome al luogo di culto di Faouët, costruito da un nobile salvato per un pelo dalla tempesta. Lasciatevi impressionare dai luoghi fiabeschi: isolata in mezzo al bosco, la cappella è evidenziata dalle sue scale di pietra. Entrati nell’edificio, ammirate le sue arcate e vetrate che ci arrivano dal 16° secolo…


2 – Cappella Saint-Fiacre: uno dei più bei jubé della Bretagna

Le Faouët (56)

Fino agli anni ’80, i visitatori curiosi potevano entrare nella cappella di Saint-Fiacre solo andando a cercare un lontano abitante del luogo, l’unico detentore della chiave dei luoghi. Oggi le visite si fanno liberi o in gruppo. Se vi piacciono gli edifici in stile gotico fiammeggiante, Saint-Fiacre ospita uno dei più bei jubé in legno policromo della Bretagna.

 

Cappella Saint-Fiacre


3 – Un’impressionante danza macabra a Kermaria-an-Iskuit…

Plouha (22)

Fondata nel 1240, la cappella Kermaria-an-Iskuit deve essere classificata Monumento Storico in virtù di un suggestivo affresco di danza macabra articolato in 47 pannelli. Il re, l’amante, il dottore, il borghese o il Papa: tutti personaggi che la morte tiene per mano e che prende in giro mentre conduce la danza… Di stile gotico, Kermaria-an-Iskuit non smette di stupire.

 

Cappella di Kermaria-an- Iskuit

 


4-Una cappella scavata nella roccia: Saint-Gildas

Bieuzy les eaux (56)

Sulla sponda del Blavet, piccolo fiume che scorre verso sud verso la rada di Lorient, la cappella Saint-Gildas ha la particolarità di essere costruita sotto un massiccio e impressionante blocco roccioso. Secondo la leggenda, San Gildas e San Bieuzy si stabilirono in questo luogo, che, nel 6° secolo, era nient’altro che una grotta naturale… Un luogo accattivante e unico, da scoprire in occasione del festival Arte nelle cappelle.

 

Cappella Saint-Gildas


5 – Una cappella tipicamente bretone: Notre Dame de Carmès

Neulliac (56)

Questa cappella, riconosciuta Monumento Storico, è una delle più spettacolari del Morbihan. La sua fontana era nota ai Celti per le sue virtù medicinali. Oltre alle sue qualità curative, Notre Dame de Carmès ha molti altri motivi di fascino! Sfoggia due impressionanti volte dipinte del 15° e del 18° secolo, nonché una struttura scolpita e modellata, tipica degli edifici bretoni.


6 – Notre Dame du Crann: dalle sue vetrate al suo perdono

Spézet (29)

Nel 16° secolo, per rendere omaggio a Maria, un signore salvato dalla peste fece costruire Notre Dame du Crann. Anni più tardi, i visitatori apprezzano in particolare le sue vetrate: la Natività, la Risurrezione, l’Ultima cena e, naturalmente, la Vergine, vi sono rappresentati tra altri soggetti. Una cappella da (ri)scoprire in occasione del suo perdono: ogni anno gli abitanti di Spézet si riuniscono alla Santissima Trinità per offrire alla Vergine un panetto di burro intagliato.

 

Cappella Notre Dame du Crann


7 – Kerfons, un luogo in cui gotico e rinascimento si mescolano

Ploubezre (22)

Ecco una cappella che sorprende per il suo stile! Dapprima distrutta durante la guerra di successione del Ducato di Bretagna, Kerfons fu ricostruita nel 15° e 16° secolo e combina brillantemente stile gotico e rinascimentale. Dopo aver contemplato il jubé in legno policromo all’interno della cappella, gli escursionisti apprezzeranno i circuiti proposti intorno all’edificio.

 

Cappella Kerfons


8 – La vergine distesa di Notre Dame du Yaudet

Ploulec’h (22)

Nel 1860, dopo la distruzione di una cappella, la famiglia Kerninon ne commissiona la ricostruzione. La particolarità di questo edificio? La cappella di Yaudet è uno dei tre luoghi santi di Bretagna dove si trova una statua della Vergine distesa. Qui la scoprirete scolpita, in un letto sospeso a 3 metri da terra sopra l’altare… Uscendo dalla cappella, respirate: siete di fronte all’estuario del Yaudet, un luogo fuori dal tempo dove è bello camminare sui sentieri escursionistici.

Sito ufficiale del Turismo in Bretagna