© © Distillerie Warenghem
Whisky, liquori & alcolici bretoni Forza e carattere nati dalle terre bretoni

Whisky, liquori & alcolici bretoni

Yec’hed mat, alla vostra salute! Scoprite la maestria artigianale bretone che ha reso celebri queste bevande alcoliche tradizionali. Miele, mele, grano saraceno, caramello al burro salato si invitano nella composizione di queste bevande di carattere, da gustare come aperitivo o digestivo. Le distillerie bretoni aprono le loro porte per condividere i loro segreti di produzione.

chais3.jpg

Il whisky bretone

Non c’è bisogno di andare in Scozia per gustare un buon whisky! La Bretagna ha risposto all’appello della tradizione celtica per elaborare whisky di notevole qualità. Ingredienti di prima scelta, maestria artigianale riconosciuta, buone condizioni igrometriche che consentono una lunga maturazione, scelta delle botti e invecchiamento sono i segreti di un whisky bretone d’eccezione.

I whisky bretoni e loro distillerie:

  • il primo whisky bretone è nato nel 1998: il whisky Armorik della Distilleria Warenghem
  • il whisky Eddu della Distilleria dei Menhir: l’unico whisky al mondo ottenuto unicamente da grano nero
  • il whisky Kaerilis che gode di una maestria artigianale e di condizioni meteorologiche ideali a Belle-Ile-en-Mer
  • I whisky all’antica della distilleria Glann ar Mor

Il pommeau di Bretagna DOC

Questo aperitivo liquoroso (17% vol.), , che vanta una denominazione di origine controllata, è un insieme di succo di mela non fermentato (2/3) e acquavite di sidro (1/3) invecchiato in botti di rovere per almeno 14 mesi. Il pommeau, con il suo bel colore ambrato e il suo profumo floreale si degusta a 8-10°C come aperitivo o come digestivo. Ogni anno, 17 produttori bretoni producono 220.000 bottiglie di Pommeau de Bretagne DOC elaborate a partire da 75 varietà di mele selezionate.

Ulteriori informazioni: Pommeau di Bretagna

Il Lambig o Fine de Bretagne

Le Lambig è un’acquavite di sidro ad alto tenore alcolico (40% vol.) ottenuta per distillazione in un alambicco (tradotto in bretone da ul lambig). Chiamata anche Fine de Bretagne, è la controparte bretone del Calvados della Normandia. Deve invecchiare in botti di rovere per almeno 2 anni per meritare la sua DOC. Questo alcolico di carattere con un naso fruttato e una bocca rotonda deve essere gustato a temperatura ambiente. Viene anche utilizzato in cucina per fare flambé carni e frutti di mare per esaltare i piatti con note sottili.

I grandi nomi della Fine de Bretagne:

Il chouchen

È una delle bevande più antiche del mondo, legata all’eredità celtica della Bretagna. Derivato dalla fermentazione del miele, più noto come idromele, vi si aggiunge la mela nella sua versione bretone e viene anche chiamato “chemillard” o “chamillard” nel paese Gallo. Questo alcolico (13% vol.) dall’aspetto dorato si consuma fresco come aperitivo o digestivo.

I grandi nomi del chouchen bretone:

  • Il Chouchen Melmor fabbricato secondo i metodi artigianali e la sua versione biologica “l’Héritage des druides” della Distilleria Warenghem
  • “L’Hydromelix” aromatizzato naturalmente alla mela, alla fragola di Plougastel, al caramello salato, alle spezie di Fisselier

Altri liquori gourmet

  • Fiore di caramello: autentica prelibatezza riservata agli adulti, questo liquore al caramello salato di Guérande fu creato nel 1998 dalla Maison Fisselier.
  • Il Kremmig della Cidrerie Kinkiz: questa crema al lambig di Bretagna va degustata su ghiaccio tritato o come guarnizione sui pasticcini.

L’abuso di alcol è pericoloso per la salute. Da consumare con moderazione

Vi piacerà anche

Sito ufficiale del Turismo in Bretagna